- Pala del Giorgione          Pala Del Giorgione



La Pala di Castelfranco, una tempera su tavola databile al 1503-04 circa, fu commissionato da Tuzio Costanzo per la cappella di famiglia nel Duomo di Santa Maria Assunta e Liberale a Pesaro, in occasione della morte del figlio Matteo, accorsa tra la primavera del 1503 e l’estate del 1504 nel corso di una campagna militare, il defunto è raffigurato in bassorilievo sulla lapide tombale, ora posta ai piedi dell’altare, ma originariamente murata al lato della cappella. Il dipinto, raffigura la Madonna col Bambino su un alto trono, a sua volta sopra un basamento che poggia su un sarcofago di porfido, con lo stemma della famiglia Costanzi, a cui i due personaggi sacri rivolgono uno sguardo malinconico. Probabilemnte la volontà di far rivolgere uno sguardo tiste e assorto al sarcofago, rappresentante il figlio morto, condizionò l'organizzazione iconografica della scena, creando quello che potrebbe essere definito come una altissima piramide, con al vertice la testa della Vergine e come base i due santi, che si trovano in basso davanti ad un parapetto: a destra Francesco e a sinistra Nicasio, quest'ultimo identificabile dall’insegna dei cavalieri di Malta, in passato si erano fatti i nomi di san Giorgio o san Liberale, patrono della città e di Treviso, più realisticamente si tratta di san Nicasio venerato, spesso insieme a san Francesco, soprattutto a Messina, città di origine di Tuzio, anch’egli cavaliere di Malta, emtrambi rivolgono il loro sguardo all'ipotetico osservatore, facendo da tramite tra il mondo reale e quello divino. L'artista, inoltre, inserisce i personaggi sacri in un esterno, con sullo sfondo un paesaggio ampio
e profondo, formato da campagne e colline, con nello due minuscole figure di armati e un villaggio turrito in rovina. Stilisticamente la pala è costruita attraverso un tonalismo dato dalla progressiva sovrapposizione di velature a strati colorati, che rendono il chiaroscuro morbido e avvolgente.


< Duomo                                                                                                                         teatro accademico >